cassa-integrazione-lavoratori-autonomi

Nuova cassa integrazione per i lavoratori autonomi!

6 Febbraio 2021

La legge di bilancio per il 2021 (Legge 30 dicembre 2020 n. 178), ha istituto una nuova forma di cassa integrazione per i lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata che esercitano attività professionali, tra cui gli amministratori di condominio, la nuova forma di tutela si chiamerà (ISCRO) Indennità straordinaria di continuità reddituale e sarà operativa per il triennio 2021-2023.

Una nuova forma di tetela del reddito prevista anche per i liberi professionisti!

Al fine di poterne usufruire il futuro beneficiario.

Non dovrà essere titolare di redditi da pensione.

Non dovrà essere assicurato presso altre forme di previdenza obbligatorie.

Non dovrà percepire reddito di cittadinanza.

Dovrà aver percepito un reddito di lavoro autonomo, nell’anno precedente la presentazione della domanda, inferiore al 50% della media dei 3 anni precedenti all’anno precedente a quello di presentazione della domanda.

Dovrà aver dichiarato un reddito non superiore a 8.145,00 Euro.

Dovrà essere in regola con la contribuzione previdenziale obbligatoria.

Dovrà essere titolare di partita iva da almeno 4 anni.

L’indennità sarà uguale al 25% su base semestrale dell’ultimo reddito certificato e verrà erogata dall’INPS in 6 mensilità.

La domanda di acceso alla nuova cassa integrazione si dovrà presentare in via telematica all’INPS entro il termine del 31 ottobre di ogni anno a pena di decadenza.

La Circolare INPS n°12 del 5 febbraio 2021, ha aumentato l’aliquota a carico dei professionisti, iscritti alla Gestione separata, pari a 0,26% per l’anno 2021 e pari al 0,51% per l’anno 2022 e per l’anno 2023.

Il contributo è a carico dei lavoratori autonomi, che esercitano per professione abituale le attività di lavoro autonomo di cui al comma 1 dell’articolo 53 del testo unico delle imposte sui redditi, iscritti alla Gestione separata e non assicurati ad altre Gestioni di previdenza, né pensionati.

L’aliquota aggiuntiva finanzierà la nuova ISCRO. Tutti gli iscritti alla gestione contribuiranno alla nuova forma di tutela.

error: I contenuti sono protetti!