cessione_del_credito fiscale condominio mapi

Cessione del credito fiscale amministratori in attesa del provvedimento attuativo, si profilano nuovi adempimenti?

9 aprile 2017

La legge Finanziaria 2017, per le spese sostenute dal 2017 al 2021, ha disposto diverse possibilità per la cessione del credito fiscale relativo a interventi, su parti comuni degli edifici di riqualificazione energetica e antisismica.

Per gli interventi antisismici, nelle zone sismiche 1, 2 e 3, atti a produrre una riduzione del rischio sismico di una o due classi, a decorrere dall’1º gennaio 2017, in luogo della detrazione fiscale i soggetti beneficiari potranno optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno eseguito gli interventi ovvero ad altri soggetti privati, con la facoltà di successiva cessione del credito. Rimarrà esclusa la cessione a istituti di credito e a intermediari finanziari.

Medesima possibilità sarà riconosciuta per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo, la detrazione spetterà nella misura del 70 per cento. La medesima detrazione spetterà, nella misura del 75 per cento, per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica relativi alle parti comuni di edifici condominiali, finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguiranno  almeno la qualità media di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2015.

I modi di attuazione della cessione del credito saranno definiti con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate in corso di predisposizione.

Da un incontro avvenuto Mercoledì 5 Aprile tra l’Agenzia delle Entrate e le associazioni rappresentative degli amministratori di condominio, tra cui il Mapi è emerso, che, anche per gli sviluppi applicativi, della nuova chance, come già successo per la comunicazione dei dati riguardanti le ristrutturazioni edilizie relative alla dichiarazione precompilata, ci saranno nuove competenze per l’amministratore di condominio.