La costituzione del condominio!

costituzione-condominio

Molti si chiedono come costituire un condominio?

La costituzione del condominio è estremamente importante in quanto definisce e regola la gestione del condominio e la vita comune dei suoi membri.

Dando per scontato che sappiamo cosa è un condominio; un fabbricato con almeno due unità immobiliari, di proprietà in via esclusiva che prevede la presenza di parti comuni in comproprietà.

La domanda è mal posta, non serve costituire un condominio, poiché il condominio si costituisce da sé, ipso iure, come direbbero i latini.

La giurisprudenza di legittimità ha chiarito da tempo che un condominio si costituisce autonomamente nel momento in cui si fraziona l’edificio da parte dell’unico originario proprietario (costruttore), con la vendita a uno o più soggetti diversi, di singole unità immobiliari.

Quindi dato atto che il condominio di fatto nasce autonomamente, non è necessaria alcuna costituzione del condominio formale.

Va considerato che i proprietari di unità immobiliari all’interno di una stabile, anche se solo due, nel caso di condominio minimo, devono attivarsi per avviare la gestione delle parti comuni.

Quando i proprietari sono tre la gestione esula dalla regola del condominio minimo ed entra in quelle del condominio ordinario.

Pertanto, i condomini dovranno riunirsi in assemblea e applicare i quorum costitutivi e deliberativi, per le decisioni sulla gestione condominiale.

La figura dell’amministratore di condominio non è necessaria, secondo l’articolo 1129 del Codice civile è obbligatoria quando i condomini sono più di otto.

Anche il regolamento di condominio non è obbligatorio, come indicato dall’articolo 1138 del Codice civile, solo quando il numero dei condomini è superiore a dieci.

Anche le tabelle millesimali non sono obbligatorie, nel senso che sono utili, ma non necessarie.

Purché nella ripartizione delle spese di gestione e manutenzione condominiale, si rispetti il principio di proporzionalità dato dall’articolo 1123 del Codice civile.

Per il nuovo condominio ordinario, composto da almeno tre condomini è obbligatorio dotarsi di un codice fiscale condominiale, pena una sanzione amministrativa rilevante.

Come per le altre incombenze in assenza dell’amministratore l’iniziativa potrà essere avviata dai singoli condomini, o da uno di essi in rappresentanza degli altri.

Di solito il percorso giusto per la costituzione del condominio è indicato dal costruttore dello stabile, che fino alla vendita delle singole unità immobiliari  dirige la vita comune.

Nominando un proprio amministratore fiduciario, che convocherà le prime assemblee , anche utili all’approvazione del regolamento di condominio e delle tabelle millesimali.

La costituzione del condominio è una procedura fondamentale quando si acquista un edificio o una casa in condominio.

È un atto ufficiale che stabilisce le regole e i diritti a cui ogni condomino deve attenersi.

La costituzione del condominio definisce l’organizzazione e le responsabilità all’interno del condominio.

Inoltre, la costituzione del condominio dovrebbe stabilire le leggi che tutti i condomini sono tenuti a seguire e identificare le azioni peculiari che possono essere prese dal condominio.