Iscriviti al Mapi

Sei un amministratore di condominio?

Sei in regola con le indicazioni della Legge 220/2012 e del Decreto Ministeriale 140/2014?

Hai trovato la soluzione! 

Iscriviti al Mapi!  

Il Mapi offre una varietà di servizi specificamente pensati per supportare gli amministratori di  condominio nella loro attività!

Tra cui:

Formazione e Corsi: l’associazione organizza corsi di aggiornamento professionale, webinar, workshop ed eventi specifici per gli amministratori di condominio. I nostri corsi coprono una varietà di argomenti, come la gestione finanziaria condominiale, la legislazione in materia di condominio e le competenze comunicative necessarie per un’amministrazione efficace.

Aggiornamenti Normativi: tenersi informati sulle nuove norme e regolamenti è fondamentale per gli amministratori. Il Mapi garantisce aggiornamenti tempestivi e approfondimenti sulle normative condominiali, garantendo che gli amministratori siano al corrente delle ultime novità.

Assistenza e supporto: gli amministratori di condominio possono affrontare situazioni complesse che richiedono supporto. Consigli utili sulla gestione dei problemi condominiali, sulla risoluzione dei conflitti.

Network Professionale: iscriversi al Mapi offre l’opportunità di creare una rete di contatti con altri amministratori di condominio. Questo permette di condividere esperienze, confrontarsi su problematiche comuni e trovare soluzioni condivise.

Registro amministratori di condominio: Il registro nazionale,  per ogni amministratore individua i dati anagrafici, il numero di iscrizione al movimento, i recapiti telefonici, l’adeguamento agli obblighi di legge in materia di formazione e/o aggiornamento professionaleeventuali specializzazioni e una presentazione della propria attività professionale corredata, da un curriculum vitae. L’iscrizione al Registro amministratori di condominio è riservata agli associati Mapi.

 

La quota annuale di iscrizione al Mapi è di €.100,00 (Cento), senza alcun vincolo di adesione pluriennale!

 

I professionisti iscritti ad Albi o Collegi sono esentati dal partecipare al corso di formazione iniziale ed alla formazione periodica?
Assolutamente no.

Anche se hanno delle competenze specifiche in materia, le medesime devono essere certificate da un corso di formazione iniziale e dalla formazione periodica in materia di amministrazione condominiale. A meno che non abbiano svolto attività di amministrazione di condominio per almeno un anno nell’arco dei tre anni precedenti alla data di entrata in vigore della riforma, in quest’ultimo caso sono esonerati esclusivamente dall’obbligo del corso di formazione iniziale, ma non dalla formazione periodica.

Come si svolge il corso di aggiornamento per amministratore di condominio?

Si avranno a disposizione on-line, tutti i mezzi necessarie per l’apprendimento professionale. Strumenti multimediali avanzati, materiale didattico, slide commentate da docenti esperti in materia, esercitazioni per autovalutazione e consulenza. Tutta l’attività sarà monitorata costantemente da un Tutor. Per l’esecuzione del corso è prevista un’applicazione minima di 15 ore, secondo quanto previsto dall’articolo 5 comma 1° del Decreto del Ministero della Giustizia 13 Agosto 2014 n°140.

Il corsista rimarrà solo nell’apprendimento?
No.

Si potrà usufruire della presenza di un tutor on line, disponibile a pianificare il percorso formativo pronto ad assistere il corsista nei momenti di difficoltà. Si potrà interagire con gli altri corsisti e con il tutor attraverso strumenti multimediali. Si potrà usufruire di un’aula multimediale dove il corsista condividerà con i colleghi i progressi quotidiani nell’apprendimento della materia.

Ci sono dei vincoli di luogo e di tempo per partecipare al corso?
No.

Si potrà partecipare al corso in qualsiasi luogo e a qualsiasi ora si desideri, eventualmente conciliando lo studio con il lavoro, con lo sport e gli impegni personali, decidendo quando e come seguire le lezioni. Si necessita esclusivamente di una connessione internet e di un personal computer, o altri strumenti più innovativi di ricezione multimediale.

Un investimento di 100 Euro è troppo oneroso per iscriversi al Mapi?
No.

Il costo di €.100,00 copre un anno di adesione al Movimento, l’associato così non si garantirà solo un semplice corso di formazione, ma una sistema di servizi integrati di durata annuale, indispensabile per un avvio sereno alla professione. Con il versamento della quota si potrà usufruire del corso in modalità telematica, dell’esame frontale ed all’esito positivo della prova si entrerà gratuitamente, nel programma di formazione permanente Mapi, sempre in modalità telematica, comodamente dalla propria residenza. Inoltre l’associato potrà usufruire gratuitamente, dei servizi di consulenza e assistenza, che, il Movimento riserva ai suoi associati, indispensabili per un avvio efficace della professione. Il tutto si ripete senza ulteriori costi. Inoltre l’associato verrà iscritto nel Registro telematico degli amministratori di condominio, il suo nominativo ed i suoi recapiti saranno inseriti nel sito www.mapi.it, così l’amministratore sempre gratuitamente, potrà usufruire di un’efficace vetrina nazionale per promuoversi.

Dopo l’iscrizione al Mapi si avranno altri obblighi economici?
No.

L’iscritto è obbligato esclusivamente a rispettare il Codice di Condotta Mapi. Il versamento della quota di adesione annuale, quantificata in €.100,00, coprirà tutti i costi annuali, compresi i costi di aggiornamento professionale, secondo quanto indicato dall’articolo 5 comma 2° del Decreto del Ministero della Giustizia 13 Agosto 2014 n°14. Ed in ogni caso l’iscritto potrà lasciare il Movimento quando lo riterrà opportuno senza alcun obbligo di preavviso.

Conviene rimanere iscritto al Mapi ?
Si.

Perché l’iscritto versando la tessera annuale parteciperà gratuitamente al programma di formazione periodica obbligatoria in materia di amministrazione condominiale, secondo quanto indicato dall’articolo 5 comma 2° del Decreto del Ministero della Giustizia 13 Agosto 2014 n°140. Programma sviluppato dal Movimento, anche in modalità telematica, fruibile comodamente da personal computer o tablet. Inoltre usufruirà dei servizi di consulenza e delle convenzioni riservate agli associati.

Cosa succede se l’amministratore in carica non provvede a formarsi periodicamente

La norma non regola specificatamente il caso, ma, la sanzione si deduce da altri articoli del Codice Civile. Innanzitutto secondo l’articolo 1137 del Codice Civile: ”contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio ogni condomino assente, dissenziente o astenuto può adire l’autorità giudiziaria chiedendone l’annullamento”, quindi la delibera, che, confermasse l’incarico ad un amministratore, che non abbia attestato (anche con modalità telematiche), in assemblea di adempiere regolarmente all’obbligo di formazione permanente, sarebbe annullabile, su ricorso dei condomini assenti dissenzienti o astenuti, probabilmente potrebbe rilevarsi addirittura nulla e quindi ricorribile da tutti e senza limiti di tempo. Inoltre come previsto dall’articolo 1129 del Codice Civile, l’amministratore, che, compie una “grave irregolarità” non formandosi permanentemente, potrebbe, essere revocato dall’Autorità Giudiziaria, su richiesta di un solo condomino. Alla luce di quanto detto il permanere alla guida di un fabbricato di un amministratore, che, non rispetti gli obblighi di formazione permanete, non è un buon affare principalmente per l’amministratore medesimo. I condomini, tra l’altro, dovrebbero contribuire a incentivare tra gli amministratori la cultura dell’aggiornamento professionale, chiedendo in sede di conferma dell’incarico una adeguata verifica dell’aggiornamento medesimo ed in caso avverso, non confermandogli la fiducia, chiedendo i servizi di un diverso professionista adeguatamente formato.

ISCRIVITI ORA! CI STAVI CERCANDO!

Dati anagrafici

Documento di identità

Residenza

Recapiti

Utente