Fotolia_27506241_XS1

Recupero quote condominiali – L’amministratore di condominio può agire per il recupero coattivo delle quote inevase, anche senza preventivo invio di formale messa in mora al condomino – Corte di Cassazione – Sezione II Civile – Sentenza 16 Aprile 2013 n°9181

19 luglio 2013

L’amministratore di condominio può agire in via esecutiva, con decreto ingiuntivo, ai danni del condomino inadempiente, per mancato versamento di quote condominiali. A nulla vale, la carenza dell’invio di una formale messa in mora, prima dell’avvio dell’azione esecutiva. La norma regolamentare (anche  se contenuta in un regolamento di natura contrattuale), che, sancisca l’obbligo, di eccepire  formalmente la morosità, non vieta all’amministratore di agire in via moratoria omettendo la prevista messa in mora. La disposizione fissa una regola, dalla cui violazione potrebbe, al più, realizzarsi una responsabilità da inesatto adempimento nell’ambito del rapporto contrattuale di mandato tra ‘amministratore ed il condominio. Nella fattispecie una coppia di condomini morosi per il pagamento delle spese condominiali, si opposero al decreto ingiuntivo emesso nei loro confronti eccependo l’improcedibilità della procedura, perché, contrariamente a disposizione del regolamento di condominio, l’amministratore non li aveva preventivamente messi in mora. La Cassazione ha confermato la legittimità dell’azione dell’amministratore.