esame corso amministratore condominio

I chiarimenti del Ministero della Giustiza confermano la circostanza nessun esame on line per i corsi obbligatori in materia di condominio!

23 giugno 2016

Con nota del 17 Giugno 2015 il Ministero della Giustizia ha risposto ad alcuni chiarimenti in merito all’applicazione del Decreto Ministeriale 13 Agosto 2014 n°140, che, regola la formazione obbligatoria degli amministratori di condominio.

Premettiamo, che, il Mapi è contrario a che si proceda alla richiesta di chiarimenti al Ministero in relazione al Decreto. Poichè giocoforza ogni interpretazione Ministeriale genererà nuovi dubbi abbisognevoli di nuove interpretazioni creando una sprirale, che renderà sempre più di difficile applicazione la materia.

Il Ministero della Giustizia, con Il Decreto Ministeriale del 13 Agosto 2014, n°140 ha licenziato un  impegnativo ed equilibrato intervento di natura liberale, che, emancipando la figura del responsabile scientifico, ha liberato la formazione da costi improduttivi, rendendola snella e valida. Un testo, che, responsabilizza la figura del responsabile scientifico delegandogli buona parte dei controlli sulla legittimità dei corsi.Per quanto indicato il medesimo Decreto non abbisogna di alcun chiarimento applicativo.

Cio detto, il Mapi vuole indicare una precisa argomentazione relativa a chiarimenti dati, che, conferma quanto più volte da noi argomentato.Il Ministero pedissequamente così si esprime “Con riferimento al secondo parere richiesto, si chiede di sapere se, sempre relativamente ai corsi di formazione per amministratori condominiali svolti in via telematica, il disposto di cui all’art. 4, comma 2, ultimo periodo, del decreto n. 140 del 2014, in forza del quale “il responsabile scientifico attesta il superamento con profitto di un esame finale sui contenuti del corso di formazione e di aggiornamento seguito dai partecipanti”, possa essere interpretato nel senso che tale attestazione non implichi la necessità, per il responsabile scientifico, di presenziare ai singoli esami, essendo sufficiente la successiva attestazione da parte dello stesso. Anche in questo caso l’interpretazione offerta dall’istante trova riscontro positivo. Oltre a quanto in precedenza esposto in merito al ruolo che il regolamento attribuisce al responsabile scientifico, risponde al canone generale della ragionevolezza consentire che tale adempimento possa essere svolto anche a distanza, in conformità ai compiti che la norma di cui all’art. 4 attribuisce al medesimo. Diversamente opinando, del resto, si graverebbe il soggetto di oneri, anche materiali, non solo non richiesti dalla disposizione ma, altresì, privi di alcun effetto utile, oltre che eccessivi”. 

Come appare palese il citato chiarimento si limita a consentire l’assenza del responsabile scientifico alla sede d’esame e la relativa verifica a distanza dei  requisiti per l’attestazione, ma non consente assolutamente la possibilità di tenere esami on line, perchè tale possibilità è in palese contrasto, con quanto disposto, dall’articolo 5 del Decreto Ministeriale 13 Agosto 2014 n°140: “ Il corso di formazione e di aggiornamento puo’ essere svolto anche in via telematica, salvo l’esame finale, che si svolge nella sede individuata dal responsabile scientifico”. I corsi per amministratore di condomino, sia iniziale, che, periodico possono svolgersi in via telematica, ma, in sede di esame è richiesta la presenza fisica (in sede) del candidato. In tal senso confermaimo quanto più volte detto, per verificare la legittimità di un corso, secondo il nostro parere, l’interessato dovrebbe accertarsi preventivamente se il corso proposto, preveda o meno l’esame finale alla presenza del medesimo. I corso telematici con esame finale on line andrebbero valutati con estrema prudenza, perché, secondo il nostro parere non conformi al Decreto e per l’effetto non abilitanti alla profesione.